Uno scrittore per urgenza a Libra. Ivan Fantini

Filosofo, autore, artista, ideatore di Boscost’orto, un passato da cuoco affermato e fuori dalla filiera commerciale. Questo e molto altro è Ivan Fantini, che incontreremo a Libra sabato 12 ottobre. Lo scrittore romagnolo presenterà il suo ultimo lavoro con la lettura ad alta voce “Io la vedevo, dovevo”, edito da Barricate Edizioni. Una piccola storia dimenticata che continua a far girare la storia. La storia di una donna, apostrofata, schernita, additata come pazza. Ma lo era veramente? Scrittore per urgenza, Fantini ha forti legami con l’anarchia, cerca l’intimità nell’alterità e vive di relazioni inaspettate in nuovi mondi creati dalla
contingenza. “Io la vedevo, dovevo” è il suo quarto scritto per le edizioni Barricate dopo “Anonimo fra gli anonimi” (2014), “Educarsi all’abbandono _ frammenti mutili” (2015) e “Animanimale _ apologia di un genere umano” (2017).
I suoi racconti “Lanugine” (2017), “Nestore Zocaie” (2018) e “Liquescenza” (2019) compaiono nell’Almanacco Quodlibet Compagnia Extra curato da Ermanno Cavazzoni.